martedì 17 settembre 2013

Scatta la condanna per il concessionario che altera il contachilometri

Corte di cassazione - Sezione II penale - Sentenza 17 settembre 2013 n. 38035
   
Risponde di truffa il concessionario che altera il contachilometri delle auto usate prima della vendita. Lo ha stabilito la Corte di cassazione con la sentenza 38035/2013.

La Suprema corte ha così condiviso il giudizio della Corte di appello di Catanzaro che, ribaltando la sentenza di primo grado, l’ha ritenuto colpevole di aver “mediante l’artificio ed il raggiro” nascosto “il reale chilometraggio dell’autovettura ‘Pajero’ , ben superiore a quello apparente di Km 100.200”, così spuntando un prezzo superiore a quello dovuto (11.000 euro), e procurandosi un indebito profitto.

La Suprema corte, infatti, ricorda che contrariamente a quanto sostenuto dal ricorrente, in appello era stata fornita la prova che, dopo l’acquisto, il chilometraggio era risultato il doppio di quello riportato sul contachilometri, e che l’acquirente era stato raggirato sull’entità dell’effettivo chilometraggio dell’auto.

Fonte: ilsole24ore/Scatta la condanna per il concessionario che altera il contachilometri

Nessun commento:

Posta un commento

Cassazione: nell’assistenza a un disabile sono validi i congedi anche solo per la notte

La legge sui congedi retribuiti per assistere un familiare con grave disabilità non prevede orari per l’assistenza, basta essere presenti an...