giovedì 19 settembre 2013

Il datore risponde di omicidio colposo per la morte del dipendente ubriaco

Corte di cassazione – Sezione IV penale – Sentenza 17 settembre 2013 n. 38129

Il datore di lavoro è passibile di condanna per omicidio colposo se, nell'affidare i compiti ai suoi lavoratori, non ha tenuto conto della loro "salute" oltre che della loro "sicurezza" e in conseguenza di queste sottovalutazioni succede l'irreparabile ad un dipendente. È per questa ragione che la Cassazione, con la sentenza 38129/2013, ha reso definitiva una condanna per omicidio colposo nei confronti di un datore di lavoro pugliese, colpevole di non avere vigilato sulle condizioni nelle quali un lavoratore stagionale, poi deceduto, si era messo al lavoro.

Come ricostruisce la sentenza della Quarta sezione penale, la vittima, lavoratore stagionale presso una cooperativa sociale nel brindisino, nel 2004 era caduto dentro una vasca piena di mosto ed era morto in seguito all'insufficienza respiratoria acuta causata dalla permanenza in un ambiente senza ossigeno.

Nel sangue della vittima era stato trovato un tasso di alcool compatibile con uno "stato di ubriachezza patologica". Da qui l'inchiesta sul datore di lavoro condannato per omicidio colposo dalla Corte d'appello di Lecce, nell'aprile 2012.

Inutile il ricorso del datore di lavoro in Cassazione che, tra l'altro, ha contestato la sua responsabilità in relazione allo stato di ubriachezza del lavoratore. Piazza Cavour ha bocciato la tesi difensiva e ha evidenziato che il datore di lavoro era chiamato a "prevenire e fronteggiare il comportamento imprudente del lavoratore".

La Suprema Corte, inoltre, ha fatto notare come "la condizione di ubriachezza del lavoratore sul luogo di lavoro non è circostanza eccezionale e quindi non prevedibile dal datore di lavoro, con l'ulteriore effetto della riconducibilità al medesimo dell'infortunio occorso, pure in presenza di uno stato di ebbrezza alcolica del lavoratore rimasto vittima" di un incidente. La Cassazione ha inoltre osservato che la botola nella quale era caduto il lavoratore non era stata nemmeno chiusa con l'apposita griglia.

Fonte: ilsole24ore/Il datore risponde di omicidio colposo per la morte del dipendente ubriaco

Nessun commento:

Posta un commento

Stalking: punibile chi entra costantemente nel profilo Facebook della ex

E’ perseguibile per stalking colui che si intromette nella vita privata di una persona, allo scopo di destabilizzarla con condotte ossessiv...