martedì 20 agosto 2013

Exit Tax: sospensione previa garanzia o rateizzazione in 10 anni

Exit Tax: sospensione previa garanzia o rateizzazione in 10 anni

Exit Tax: sospensione previa garanzia o rateizzazione in 10 anni
Decreto Ministero Economia e Finanze 02.08.2013, G.U. 12.08.2013
E' stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto del Ministero dell'Economia e delle Finanze previsto dall'art. 166 TUIR, co. 2 quateril quale prevede che per il trasferimento all'estero della residenza di un imprenditore commerciale, per cui dovrebbe scattare la tassazione sul realizzo degli elementi aziendali che vengono trasferiti, sia possibile la sospensione di tale tassazione se il trasferimento avviene in Stati appartenenti all'Unione europea ovvero in Stati aderenti all'Accordo sullo Spazio economico europeo.
Il decreto stabilisce, tra l'altro, le fattispecie che determinano la decadenza della sospensione, i criteri di determinazione dell'imposta dovuta e le modalità di versamento. In alternativa al pagamento immediato e alla modalità di riscossione delle imposte sui redditi disciplinata, le imposte possono essere versate in quote costanti con riferimento all'esercizio in cui ha efficacia il trasferimento e nei nove successivi, maggiorate di interessi e previa garanzie proporzionali all'importo dell'imposta sospesa.
Lo stesso decreto prevede l'emanazione di uno o più provvedimenti del Direttore dell'Agenzia delle entrate con cui verranno individuate le modalità di esercizio dell'opzione e del versamento rateale, di prestazione delle garanzie ai fini del riconoscimento della sospensione e del rilascio delle stesse, nonché le modalità di monitoraggio annuale delle plusvalenze in sospensione e le cause di decadenza della sospensione connesse al venir meno delle garanzie o alla mancata presentazione delle dichiarazioni o comunicazioni relative al monitoraggio annuale delle plusvalenze.
(Altalex, 14 agosto 2013)

Nessun commento:

Posta un commento

Lavoro domestico, nessun obbligo di comunicare l’infortunio lieve

I datori di lavoro domestici non hanno l’obbligo di comunicare all’INAIL gli infortuni sul lavoro lievi, anche quando si tratta di prestazio...