mercoledì 21 agosto 2013

Assegni e bonifici: i tempi di valuta e disponibilità che la banca deve rispettare

Assegni e bonifici: i tempi di valuta e disponibilità che la banca deve rispettare

Quali sono i tempi che la banca e la Posta devono rispettare, in termini di valuta e disponibilità, di una somma versata sul proprio conto con assegni, bonifici o contanti?

La legge [1] così regola la data di disponibilità per il beneficiario di importi versati sul proprio conto corrente:
- per bonifici: il termine massimo è di tre giorni lavorativi dalla data del versamento;
- per assegni circolari: il termine massimo è di quattro giorni lavorativi dalla data del versamento;
- per assegni bancari: il termine massimo è di cinque giorni lavorativi dalla data del versamento.


I giorni di disponibilità indicano la data dalla quale il correntista può concretamente disporre (prelevare e/o utilizzare) gli importi versati tramite, appunto, bonifico, assegno bancario e assegno circolare.

I termini appena indicati sono i tempi massimi; pertanto nulla viete all’istituto di credito di prevedere termini più brevi.

Pertanto, se il correntista riceve un bonifico sul proprio conto potrà utilizzare e spendere le somme che gli sono state accreditate al massimo dopo tre giorni lavorativi dopo il versamento.

Se la banca non rispetta questi termini, il cliente può innanzitutto inviare una raccomandata con ricevuta di ritorno all’istituto bancario o postale interessato, denunciando l’accaduto e chiedendo il risarcimento del danno subito.

In caso di mancato accoglimento delle proprie ragioni, o in caso di mancata risposta dopo trenta giorni, egli potrà adire il giudice di pace oppure rivolgersi all’Arbitro bancario finanziario (Abf), organo creato appositamente per risolvere in via stragiudiziale le controversie tra banche e clienti, cui aderisce anche Poste Italiane.

[1] D.lgs. denominato “Tremonti ter”, del 25 giugno 2009, entrato in vigore il 1° novembre 2009.

(Fonte: See more at: http://www.laleggepertutti.it/31868_assegni-e-bonifici-i-tempi-di-valuta-e-disponibilita-che-la-banca-deve-rispettare#sthash.dH9OdA3B.dpuf)

Nessun commento:

Posta un commento

Sgombero immobili abusivamente occupati: responsabile dell’inerzia è il Ministero

Occupazione abusiva di uno stabile: il Tribunale di Roma condanna il Ministero dell’Interno al risarcimento dei danni, nella misura di € 266...