lunedì 12 agosto 2013

Accertamenti bancari anche su chi non ha partita IVA

La Stampa - Accertamenti bancari anche su chi non ha partita IVA

L’Amministrazione Finanziaria può richiedere a chiunque di giustificare i movimenti risultanti dai conti correnti. In questo modo le prospettive di accertamento riservate all'Ufficio si estendono a ogni contribuente, a prescindere dall'attività svolta. La sentenza 8047/13 della Cassazione, che in realtà verte su un fatto di causa piuttosto articolato, contiene, fra le righe delle motivazioni che conducono alla decisione, un principio estremamente rilevante, che muta, ampliandone il raggio, le prospettive di accertamento riservate all’Ufficio. Nella pronuncia in esame si richiama l’art. 51, comma 2, nn. 2) e 7), D.P.R. n. 633/1972, che, ricordiamo, prevede, fra i compiti dell’Amministrazione nell’ambito della verifica delle dichiarazioni, da un lato la possibilità di richiedere al contribuente di presentarsi per esibire documenti e scritture, e, dall’altro, di ottenere dagli Istituti di credito la documentazione bancaria utile ai controlli. Il punto è che secondo i giudici di legittimità «tale presunzione ha portata generale e riguarda le dichiarazioni dei redditi di qualsiasi contribuente, a prescindere dall’attività svolta». Ciò che in parte sorprende è che la norma citata fa parte, come noto, del decreto IVA, e quindi si penserebbe rivolta esclusivamente ai soggetti esercenti attività di impresa, arti o professioni. È lo stesso art. 51, comma 2, n. 2), primo periodo, a specificare infatti che per adempiere ai propri compiti «gli uffici possono invitare i soggetti che esercitano imprese, arti o professioni, indicandone il motivo, a comparire di persona o a mezzo di rappresentanti», ciò che sembrerebbe delimitare i poteri conferiti a queste specifiche categorie di contribuenti. Le conclusioni della Corte appaiono dunque estremamente significative, dando all’Amministrazione Finanziaria facoltà di effettuare controlli ancora più estesi anche su soggetti che sinora non sembravano toccati da simili tipologie di verifica.

Nessun commento:

Posta un commento

Lavoro domestico, nessun obbligo di comunicare l’infortunio lieve

I datori di lavoro domestici non hanno l’obbligo di comunicare all’INAIL gli infortuni sul lavoro lievi, anche quando si tratta di prestazio...